Karate Kyokushinkai ad Autunno Giapponese

Posted on

Karate Kyokushinkai: confermata la presenza ad Autunno Giapponese

Sabato 30 settembre 2017, all’evento Autunno Giapponese, ci onoreranno della loro presenza gli atleti dell’ASD Iron Dojo, che confermano la partecipazione alla dimostrazione di arti marziali prevista per il primo giorno dell’evento. L’iron Dojo è attualmente l’unico punto di riferimento ufficiale in Lombardia per il karate Kyokushinkai, e vanta campioni e agonisti di caratura internazionale.

La particolarità del karate Kyokushinkai è quella di essere, a differenza di molti altri stili di karate moderno, una variante a contatto pieno che, oltre allo studio di tecniche fondamentali, kata tradizionali e relative applicazioni, dedica molta preparazione alla pratica del kumite, il combattimento. L’unicità dello stile, che a livello mondiale conta oltre 12 milioni di atleti, e la sua esclusività sul territorio lombardo, fanno dell’esibizione di settembre una manifestazione di assoluta rarità e un’occasione imperdibile per vedere da vicino questa meravigliosa disciplina, espressa ai massimi livelli nella cornice storica palazzolese  di Villa Cicogna Rampana.

Mas_Oyama
Il Maestro Oyama Masutatsu, fondatore della disciplina.

Origini del karate Kyokushinkai

Il karate Kyokushinkai nasce formalmente nel 1957 per volontà del Maestro Oyama Masutatsu. Ex membro dell’aviazione militare giapponese, dopo la II Guerra Mondiale, Oyama decise di trasferirsi a Tokyo per studiare all’università. In questo periodo approccia alcune discipline marziali giapponesi come il judo e il karate shotokan. Oyama praticò per due anni come allievo diretto del Maestro Funakoshi Gichin (da molti considerato il padre del karate moderno) per poi passare allo studio del Gōjū-ryū, uno stile di karate tradizionale basato sugli antichi principi dei maestri di Okinawa di durezza (gō 剛) e cedevolezza (jū 柔). Tali esperienze influenzarono Oyama a tal punto da sviluppare uno stile proprio, basato su una filosofia di continuo miglioramento psico-fisico dell’atleta, autodisciplina e duro allenamento. A differenza della maggior parte degli stili di karate tradizionale, che possono definirsi discipline a contatto leggero, la ricerca di Oyama lo portò ad approfondire lo studio di combattimenti reali, sviluppando uno stile a contatto pieno, particolarmente efficace anche per la difesa personale. La  filosofia alla base dell’intensità degli allenamenti del Kyokushinkai, è quella di ricercare costantemente i propri limiti e cercare di superarli, in un ottica di costante miglioramento psico-fisico e morale; da qui il senso ultimo del nome stesso, che potremmo tradurre con “verità estrema“ (kyoku 極, che sta per “estremo” e shin 真, verità, lo stesso kanji di “makoto”, quel valore estetico e filosofico che ha caratterizzato l essenza dei canoni letterari della cultura giapponese sin dal periodo Nara).

 

Il Kyokushinkai oggi

Nel 1964, Oyama fondò ufficialmente il Kyokushinkaikan, altrimenti noto come International Karate Organization (IKO) facendo gradualmente conoscere questa disciplina al di là dei confini del Giappone. Dopo la scomparsa di Oyama, la guida del Kyokushinkaikan fu affidata al Maestro Shokei Matsui, che ricopre tutt’ora il ruolo di Kanchō all’interno dell organizzazione. Dalla sua fondazione l’IKO è cresciuta a tal punto da essere presente, attualmente, in ben 120 Paesi. In oltre 40 anni di pratica di questa disciplina, il karate Kyokushinkai è oggi praticato da oltre 12 milioni di atleti a livello globale.

 

Il Kyokushinkai in Italia

La pratica del Kyokushinkai in Italia , relativamente recente, è promossa dall’A.I.K.K. (Associazione Italiana Karate Kyokushinkai), ramificazione locale direttamente collegata all IKO e conta attualmente 18 dojo su tutto il territorio nazionale. La direzione tecnica dell A.I.K.K. è affidata allo Shihan Tsutomu Wakiuchi (/° dan), allievo diretto di Oymama tra il 1977 e il 1983.

 

Iron Dojo

L’Iron Dojo nasce dal volere di alcuni praticanti di Kyokushinkai e artisti marziali di lunga esperienza, in una Lombardia fino ad allora priva di questa disciplina. La passione per il karate kyokushinkai ha portato l’attività a crescere fino alla fondazione dell’ASD Iron Dojo a Paratico, nell’ottobre del 2011, espressivamente per offrire un vero servizio come centro di karate, arti marziali e sport da combattimento. Ad oggi l’Iron Dojo è direttamente affiliato all’A.I.K.K. del Maestro Wakiuchi e costituisce l’unico punto di riferimento ufficiale in tutta la Lombardia per la pratica di questa disciplina, vantando la presenza di campioni nazionali e atleti di caratura internazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

16 − 15 =

Top